Sicurezza impianto RM e accessori

La sicurezza del paziente e dei lavoratori presso un impianto RM deve essere definita gia’ in fase di progetto del sistema e del sito. Oltre all’aspetto puramente tecnico del sistema e dei dispositivi accessori, la sicurezza va programmata in termini di disegno dei flussi lavorativi e trasferita a tutto il personale operante ed ai pazienti con la definizione di chiare regole, riportate nelle norme di sicurezza che l’Esperto ed il Medico responsabili dell’impianto sono tenuti a definire per legge. Questo sistema di sicurezza, parte integrante del sistema di assicurazione della qualita’, dovrebbe anche prevedere la stesura di protocolli operativi e la formazione del personale, al fine di definire in modo inequivocabile il ruolo e soprattutto le responsabilita’ di ciascuna delle figure suddette. Infine, il sistema di sicurezza e’ un sistema dinamico che per mantenere la sua efficienza deve prevedere momenti di revisione e aggiornamento.
L’Esperto Responsabile in fase di gestione ha in carico sia l’attivita’ di sorveglianza ambientale che la verifica periodica (o  a seguito di interventi manutentivi) dei sistemi e dei dispositivi di sicurezza, che devono mantenere gli standard stabiliti al collaudo e nelle prove di accettazione.
Andranno quindi verificate le condizioni di schermatura del campo magnetico statico ed il sistema di controllo dell’accesso alla sala magnete ed al sito RM; la schermatura del campo RF (tenuta della gabbia di Faraday);  le messe a terra delle apparecchiature; la funzionalita’ dei sistemi di ventilazione e climatizzazione della sala magnete ed i sistemi di sicurezza di trasmissione RF, che contengono entro i limiti prefissati il riscaldamento tissutale (si veda quanto riportato nel D.M. Sanita’ 3/8/93, allegato A  ). Per impianti con magnete superconduttore andranno inoltre verificati il sistema di rivelazione dell’ossigeno in sala magnete, i sistemi di sicurezza in caso di quench del magnete, ossia l’integrita’ e funzionalita’ della canalizzazione dell’elio (quench pipe) e l’inserzione dell’aspirazione di emergenza in caso di fuoriuscita di elio in sala magnete, il sistema di disattivazione del campo magnetico ed il sistema di monitoraggio dell’impianto criogenico.
Infine particolare attenzione andra’ posta alla verifica dei sistemi di sicurezza in caso di emergenza medica (strumentazione di emergenza paziente, sistemi di monitoraggio)  o tecnica. (estintori, luci di emergenza ecc).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...